(T)ricycle

  • Dove:

    Philippi, Cape Town, South Africa

  • Partners:

    CESVI, Blue sky

  • Obiettivo:

    Attraverso (T)ricycle, Jugaad sostiene lo start up di un’impresa sociale dedicata alla raccolta, alla separazione e alla compattazione della plastica a Cape Town.

Status Quo

Ad oggi, circa 20.000 ton/anno di PET risultano consumate nella sola area di Cape Town e più della metà non segue un corretto processo di riciclo. Diretta conseguenza di questo scenario è l’abbandono post-utilizzo di tale materiale in discariche o direttamente nell’ambiente.

La rete di raccolta si basa sul contributo informale di lavoratori provenienti dalle township (waste pickers) che, per pochi centesimi di euro al kg, rivendono il materiale ad una fitta rete di intermediari.

Azione ed impatto

(T)Ricycle mette a disposizione dei pickers tricicli, carrelli e dispositivi di protezione individuali per la raccolta dei rifiuti.

Inoltre, presso il centro di raccolta (T)ricycle, il materiale plastico raccolto viene stoccato, selezionato e compattato in balle da 200Kg, prima di essere venduto direttamente al cliente finale (impianto di riciclaggio) con il valore aggiunto della selezione, della trasformazione e del trasporto.

Qualifica dell’impatto.

Il progetto rende la raccolta del rifiuto plastico da parte dei pickers più sicura, più efficiente, e quindi più remunerativa. Tricicli e carrelli permettono di accogliere più plastica a partità di tempo; mentre l’adozione di una filiera più corta, che integra raccolta, selezione, compattazione e trasporto, riduce il numero degli intermediari e massimizza il guadagno dei pickers.

Quantificazione dell’impatto.

Il progetto prevede di tracciare i progressi sociali e ambientali del progetto, e in particolare di monitorare quante tons di plastica siano state portate al centro di raccolta in un determinato periodo; quanti ZAR (€) il centro abbia pagato ai pickers; quante ton di CO2 e quanti m2 di landfill siano stati risparmiati.